3.2

PAGUROJEANS lancia con il crowdfunding il jeans dal fit perfetto e a basso impatto ambientale

Campagna conclusa Campagna conclusa
Un progetto di Pagurojeans
Progetto su Ginger
OBIETTIVO 2500.00 > Vai alla campagna

Andrea Scaparro e Guillermo Hernandez, co-fondatori di Pagurojeans, sono due fisici con il sogno di fare qualcosa di buono per la sostenibilità ambientale e sociale. Dopo aver analizzato l'industria del fashion e gli sprechi ambientali che genera, hanno deciso di cominciare a lavorare su come trasformare il loro indumento preferito, il jeans, per renderlo sostenibile ma non solo, altamente personalizzabile e unico.



Andrea Scaparro e Guillermo Hernandez


Il progetto di Andrea e Guillermo nasce a Parma, ma comincia subito a girare l'Emilia-Romagna perché Pagurojeans (all'epoca Fairjeans) è tra i vincitori, a giugno di quest'anno, del Greenhouse Programme 2017 della Climate-KIC. Climate-KIC è la community europea (di cui ASTER fa parte) per l’innovazione zero carbon e le sfide del cambiamento climatico promossa dall’Istituto Europeo per l’Innovazione e la Tecnologia (EIT)  che opera su tre macro aree di attività - Innovazione, Educazione e Imprenditoria - e che coinvolge tutti gli attori della piramide della conoscenza: università, enti di ricerca, imprese, ONG e amministrazioni regionali e locali. 
Il Programma Greenhouse è uno degli strumenti dell’area educazione, e consiste in un percorso di pre-incubazione per progetti imprenditoriali della durata di sei mesi. Le persone coinvolte nel programma beneficiano di mentoring, coaching e un contributo economico per testare la validità delle loro idee e comprenderne la fattibilità.


Andrea e Guillermo a Ecomondo 2017 - Rimini 


I ragazzi di Pagurojeans stanno completando il percorso Climate-KIC e hanno in questi mesi affinato la loro idea a tal punto che hanno deciso di lanciare una campagna di crowdfunding per avere una prima validazione da parte del mercato.

Andando nel dettaglio del loro prodotto (e servizio), vediamo che cosa caratterizza i Pagurojeans e perché non potremmo più farne a meno ;)

Pagurojeans è un progetto che nasce dalla volontà di realizzare un jeans bello, dalla perfetta vestibilità e dal basso impatto ambientale



Pagurojeans


Gli ingredienti di un Pagurojeans sono: denim riciclato al 40%, filiera di produzione corta, connubio tra innovazione digitale e qualità artigianale. Grazie a un algoritmo studiato e ideato dal team Pagurojeans, per ogni cliente verrà progettato un jeans dalle misure perfette per chi lo richiede e verrà confezionato in un laboratorio sartoriale dove esperienza e abilità artigianale renderanno ogni jeans un pezzo unico. 

Funziona così: il cliente spedisce il suo jeans preferito a Pagurojeans che lo riproduce con le stesse esatte misure e lo stesso "fit" utilizzando denim riciclato al 40% e risparmiando moltissimo rispetto alla produzione di un jeans tradizionale: il 60% in meno di acqua e prodotti chimici e il 40% di energia.



Il processo di produzione di un Pagurojeans


Come faranno 2 giovani fisici di Parma a realizzare tutto ciò?

Hanno trovato dei partner che condividono la loro mission e che hanno messo la loro esperienza e le loro infrastrutture a disposizione del progetto.

Prima tra tutti Italdenim è un’azienda che vanta decine di anni di esperienza nella produzione di denim e che, negli anni, si è sempre più distinta per la volontà di crescere attraverso uno sviluppo sostenibile, portando innovazione nei processi produttivi e nei prodotti per ridurre drasticamente l’impatto ambientale del denim prodotto, elevandone gli standard qualitativi. E’ il primo produttore di denim nel mondo ad aver aderito al protocollo DETOX di Greenpeace.


Per quanto riguarda il partner di produzione, Pagurojeans ha coinvolto la realtà locale Filo Rosa, in cui alla capacità professionale si unisce una condizione lavorativa virtuosa. Il Filo Rosa è un laboratorio sartoriale che realizza prodotti di abbigliamento di alta qualità utilizzando materiali e lavorazioni esclusivamente Made in Italy. Inoltre i prodotti artigianali di Filo Rosa hanno un valore sociale aggiunto perché interamente realizzati da donne in situazioni di difficoltà, affiancate da esperti nel settore della moda, in un progetto di crescita personale e professionale. 


Confortevole e minimalista: design classico e senza tempo, pensato per apparire professionale ma risultare adatto al movimento, con un colore che si adatta a tutte le situazioni. Semplice e funzionale.

Resistente: i Pagurojeans non subiranno processi aggressivi quali lavaggi chimici e sabbiatura, così da durare più a lungo ed essere pronti per qualunque avventura.  

Cotone: il denim sarà proposto in due varianti, 100% cotone e 98% cotone con un 2% di elastam per riprodurre la vestibilità dei jeans più elasticizzati. Grazie alla loro composizione i jeans saranno in grado di sopportare ogni tipo di stress e usura senza allungarsi. In più, la bassissima presenza di fibre sintetiche ne consentirà un completo riuso alla fine del ciclo di utilizzo. 

Sostenibile: la produzione locale e l’utilizzo di denim 40% riciclato ci consentono di risparmiare il 60% in termini di risparmio energetico, idrico e di consumo di prodotti chimici. Inoltre il ritiro del vecchio jeans permette a Pagurojeans di procedere verso un jeans 100% riciclato. 

Etico: la sostenibilità di un prodotto passa inevitabilmente dalla garanzia di condizioni di lavoro ottimali per tutte le persone coinvolte nella filiera di produzione. Il partner “Il Filo Rosa” offre la massima professionalità e qualità artigianale unitamente a una politica di accoglienza, sostegno, formazione e inserimento lavorativo.

Non rimane quindi che sostenere il progetto su Ginger per avere il proprio jeans in anteprima!

Per rimanere aggiornati su Pagurojeans seguite i tutti i canali web:


GUARDA IL VIDEO

NEWS

TT01

A Parma le statue parlano!

TT Talking Teens - La Statue Parlano! è la sfida che l'associazione ECHO ha lanciato alla città. Trovare i fondi per far parlare le statue

panoramica

Crowdfunding e Fondi Strutturali, il match-funding è possibile?

A Bruxelles prende avvio il Working Group guidato da ECN che coinvolge piattaforme e autorità di gestione regionali per studiare modelli di integrazione tra crowdfunding e fondi europei

29 gennaio 2018 > Continua a leggere
crowdfunding-crowdinvesting

I trend del CrowdInvesting - presentazione del Report 2017

Lo scorso 12 luglio è stato presentato a Milano il secondo Report italiano sul Crowdinvesting, realizzato dall’Osservatorio Crowdfunding gestito dalla School of Management del Politecnico di Milano.

14 luglio 2017 > Continua a leggere
open week cavazza

L'istituto Cavazza si prepara per l'Open Week di prevenzione visiva finanziata con il crowdfunding

Traguardo al 122% per il Cavazza che organizzerà una settimana di screening gratuiti per la prevenzione della vista

Agenda Pappa ricetta

Traguardo raggiunto e superato per Agenda Pappa di Badeggs e Yobi

+5000 euro raccolti grazie a 200 sostenitori in 2 mesi di campagna su ideaginger.it

suit-business-man-business-man-37547

Il crowdfunding nel 2017: “don’t call me ‘colletta 2.0’!”

Breve riflessione su uno strumento sempre più ibrido tra marketing, co-creazione e accountability

Febbraio 2017 > Continua a leggere
11_mappa-bologna-sindaco

Museomix a Museo Tolomeo: parte il crowdfunding

l’Istituto dei ciechi “Francesco Cavazza” si è messo in gioco una campagna di crowdfunding per raccogliere i 3000€ necessari alla realizzazione di Museomix al Museo Tolomeo

sole24ore_Regenesi

Regenesi e la File Bag: primo progetto seguito da KICK-ER online su Kickstarter

La campagna di crowdfunding per la borsa innovativa emiliano-romagnola a basso impatto ambientale dedicata al mercato della pelletteria di lusso

12 febbraio 2016 > Continua a leggere
no name

Crowdfunding e tecnologia: analizziamo qualche numero

Il rapporto tra crowdfunding e tecnologia è ricco di eclatanti casi di successo ma anche di molti, moltissimi, flop. Abbiamo analizzato alcune statistiche per orientarci meglio.